Home » mondo dello spettacolo

Tag: mondo dello spettacolo

Teatro Ascetico. Corso di teatro per artisti moderni.

Aprirà tra qualche giorno, se i vigili non ripassano, il corso di teatro ascetico del M° Cernusco da Navarra, ma questa volta, solo per chi viene da Bolsena. Perchè? Perchè il M° è un po’ razzista ma del resto è artista e quindi tutto può. Per questi fortunati, (ma solo i primi mille) il M°, terrà ben SEI lezioni tubolari a coppie di due o tre poi si guarda, e rilascerà l’attestato di “ATTORE ASCETICO”, che garantirà agli artisti, di saltare la coda ai provini quelli fatti nei BAR, o in piazza, oppure quelli a pagamento sempre presso la nostra sede, il circolo ARCI “Lo stanzone di sopra”, adibito per l’occasione a teatro/sala provole.

Cosa vi portate a casa (o in questura) con questo corso di teatro:

– Sei lezioni personalizzate da 55 min. l’una con la possibilità di portare a UN’ORA! Con un sovrapprezzo di soli 68 euri.
– Attestato di partecipazione in vera finta pelle di tordo.
– Bacio accademico con lingua (solo a donne giovani) del M° Cernusco da Navarra.
– Una sua foto autografata con sfondo Capri.
– La musicassetta del corso integrale registrata col Geloso (r)

Il M° Cernusco da Navarra durante una sua esibizione per beneficenza (forse).

Il tutto per la modica cifra di settecentottantaeuri (780) Iva a parte, da versare come anticipo in contanti a Mario, quello che sta alla porta e vi fa passare uno per volta. Per chi vuole ci sono pure le comode rate mensili da centonovantotto (198) euro per sei mesi senza interessi. Come “non torna”? Se non torna vi si manda Mario e poi torna tutto, state tranquilli.

Un ex allievo che saluta tutti i futuri partecipanti col suo motto: “il mattino ha il fumo in bocca”.

Fate in fretta perché quest o corso di teatro è un’offerta riservata agli artisti talentuosi e che vogliono andare al Grande Fratello o a fare il pubblico ai “Fatti Vostri”.

Vi aspettiamo!

Casting, provini, mondo dello spettacolo… basta chiedere.

Cari utenti del blog, cari colleghi, cari delusi dal vostro lavoro “normale”, per voi oggi una selezione dei casting per entrare nel magnifico mondo dello spettacolo, superbamente selezionati da grandi personaggi famosi in tutto il loro condominio. Poi ditemi se non vi voglio bene.

Approfittatene!

Casting per tutti, basta che respirino.

Per il cortometraggio d’autore “Chiudi quell’anastrofe!” interamente girato all’aperto ma d’inverno, si cercano attori immuni all’influenza o perlomeno che non si lamentino per le basse temperature.

Ruoli ricercati: trentenne fisico asciutto, con evidenti problemi di erezione, soprattutto davanti alla macchina da presa. Verrà ridicolizzato dai macchinisti per rendere la scena più verosimile. Astenersi voyeur.
Per la particolare natura del corto, i selezionati verranno pagati dopo il solstizio d’inverno, ma solo se si troveranno alle 12:34 al centro di Stonehenge. (Fa fede il timbro postale).

Per spot istituzionale che verrà proiettato in tutte le astanterie dei nosocomi della patria, la casa di produzione SCANSATI s.r.l cerca ambosessi per interviste generiche, basta che ci dite qualcosa tanto ormai l’appalto s’è vinto noi quindi sticazzi di cosa ci dite basta firmate il foglio sulla privacy.
Il compenso sarà di 18 euro lorde per tutti e due, a 120 giorni dalla data di messa in onda sulle tv generaliste.

Cercasi, per lungometraggio del famoso regista Astolfi Venanzio di fu Gino, vincitore del premio “Ricotta nostrana 1967” e ultimamente del premio speciale della giuria al festival della Vacca gravida più longeva, si diceva, cercasi figure professionali da inserire nel palinsesto del film per fare in modo che il film si faccia, tipo ci serve il produttore, poi tutto il resto ci s’ha. Astenersi perditempo e i NAS.

Dopo il grande successo del suo lungometraggio animato, opera prima, “Le zanzare sono siNpatiche anche di giorno” torna con la sua opera seconda il regista Scavolini Pietreppaolo, con “Tafanacci, tafanini”, un’opera magistrale che racchiude in se il senso di nostalgia dei bei tempi nei campi quando non potevi nemmeno sostare in pace che i tafani ti divoravano le pupille. Per la realizzazione di questa prestigiosa opera filmica si cercano i tafani, tanti, non mandate né Cv né foto.

Casa di produzione americana “Xiung hoi Min” cerca falsi italiani ma con passaporto valido per lavoro artistico di imbustamento calzini di neoprene misto lana. Gli attori saranno ripresi durante il lavoro, quindi è a tutti gli effetti un lavoro artistico che darà tanta visibilità, soprattutto sui nostri monitor di sorveglianza. Garantiti pasti abbondanti, riso cantonese, involtini primavera, nuvolette di drago (morto). Il casting chiude il 18 novembre 2069, posti limitati per capannone.

Hai una sceneggiatura nel cassetto che vuoi vedere realizzata? Hai scritto un cortometraggio divertente, horror, che vorresti vedere sul grande schermo? Mandaci i tuoi lavori e un equipe di esperti nel campo dell’idraulica internazionale li valuterà. Se le sceneggiature saranno selezionate, verrai contattato per la loro realizzazione. Spedisci il tutto in formato DOC a: mandapoitisipuppatuttoesivaallasiae@sonasegadisceneggiaturepoilerivendo.com oppure a: mandapoitisichiamaetisichiedeisoldiperfarlenoisiamosoloproduttoriesecutiviidiota@illusionedifarecinema.mai (questo annuncio purtroppo è quasi vero).

La MANLEVATI production è in procinto (o progravidanza) di partire col casting del film “In fila alle poste senza numero”, un lavoro tratto dal libro del romanziere Uzbeko, “Skus kilè Lurtìm”.
Ruoli ricercati:
VECCHIO (si si vecchio non anziano) per ruolo: “Smemorato che vaga”.
ZINGARA (si si non Rom, o nomade, proprio zingara) per ruolo: signora che sbuffa ma ti frega la borsa.
DONNA PREGNA (si si non incinta o in stato interessante, proprio pregna da 8 mesi bella gonfia che pare un ascesso) per ruolo di una che sviene per il troppo caldo ma è una finta per passare avanti.
NEGRO (si si non di colore, nero, black, afro, cioccolatino, butrusgali, kong, pariquelloconlapallainboccacheinculanodipulpfictionmapiùalto, proprio negro) per ruolo dell’arrestato dopo la rissa che tutti fanno tranne lui ma lui viene arrestato dalla polizia accorsa dopo 48 minuti.

Comparse varie età con attitudine al battibecco, litigio, lamento. Pagamento in lupini e/o numeretti per il giorno dopo da rivendere agli extracomunitari in coda per il permesso di soggiorno.

Partirà a breve, il bus 56, quindi per chi volesse partecipare al casting dello spot sociale “Bussiamoci ancora” si sbrighi che poi il prossimo passa tra 48 minuti, sempre che non ci sia sciopero. “Piove pure maremmaimpestata” è il sottotitolo. Per partecipare al casting portare ISEE, un Cv di vs madre con foto, il certificato di invalidità permanente di vs padre e l’estratto conto della pensione di vs nonno/nonna a scelta basta sia in vita più fotocopia dei documenti, codice fiscale e cambiali già firmate. Figure ricercate: ambosessi 18/98 anni vivi. Il regista si raccomanda la discrezione e la puntualità.

Il meraviglioso mondo dello spettacolo… passione e visibilità.

Il meraviglioso mondo dello spettacolo, spesso non è così meraviglioso…

Antefatto: due mesi fa, faccio un provino per una figurazione speciale. Cosa è una figurazione speciale? E’ quando in un film, corto, fiction che sia, una persona apre bocca e dice una battuta non di servizio (tipo buongiorno signora) o fa un’azione particolare che non sia di “comparsa”. Per queste figure professionali è riconosciuto un compenso di circa 120 euro lorde, a seconda della produzione.

Per un attore (uno vero intendo, che lo fa di mestiere da svariati anni e che ci campa, non che lo fa per hobby tra un turno in fabbrica e l’altro), per un attore, fare queste figurazioni non è molto invitante e spesso si tende a nascondersi dietro agli altri o addirittura non si accetta il lavoro. Io ultimamente ho ricominciato a fare piccole figurazioni se con un minimo di storia. Ad esempio nell’ “Allieva” della Endemol ho fatto un assassino che era protagonista in tre scene anche se mute e aveva pure un cane con cui doveva interagire. Ho lavorato tre giorni e mi sono anche divertito.

Due mesi fa, mi chiamano per un provino per figurazione. So già che troverò la bolgia, ed infatti così è. C’è di tutto. Il solito zoo. C’è il tipo che dice che fa l’attore ma fa sempre e solo la comparsa, quello che ha fatto il tronista, il Beato tra le donne, Avanti un altro, chi applaude a Forum, chi ci ha litigato a Forum, l’agente delle dive con la diva bellona che prima che arriva lei arrivano le tette cinque secondi prima, e così via. Ci sono anche bravi attori e attrici ovviamente, che come me magari non stanno lavorando in qualcosa di meglio e allora…. “tutto fa”.

Attendo pazientemente il mio turno, nel frattempo ascolto quelli prima di me: alcuni passabili altri inascoltabili, che fanno sentire i punti interrogativi quando recitano le domande, brrr. Tocca a me, mi avevano dato poco prima due battute da imparare a memoria. Si tratta di interpretare un giornalista, tale “Frangi” che durante una conferenza stampa, fa due domandine antipatiche al potente di turno.

Nome, cognome, profili, anni e da dove vieni e vai col provino. L’aiuto regia (che provina i piccoli ruoli in vece del regista) mi ascolta, sgrana gli occhi, mi guarda di traverso e rivolgendosi all’operatore esclama: “Oh, questo è bravo!” Meravigliata, come se avessi appena fatto un monologo di un quarto d’ora in equilibrio su una mano. Mi dice che purtroppo quel giorno non era molto contenta di chi si era presentato, ma con me può bastare e  mi avrebbero tenuto in considerazione per qualcosa. Me ne vado ormai come un automa, mettendo l’ennesimo provino nel carniere.

Ed ecco che ieri mi scrive su whatsup (sempre canali professionali) il ragazzo che mi chiama per questi provini e mi dice che sicuramente mi prenderanno per questo ruolo. “Si gira tra due giorni, compenso è di 120 euro lorde come al solito”. “Come al solito un par di palle”, gli rispondo. Se c’è un ruolo, e l’ho pure vinto tra centinaia di attori, vorrei un minimo di riconoscimento in più, sennò questo lavoro diventa veramente una barzelletta. Mi dice che prova a chiedere 150, ma non mi assicura nulla. Faccio finta di non aver letto il messaggio ma apprezzo almeno lo sforzo.

Silenzio. Scrivo io il giorno dopo: “ma sicuramente mi dovevano prendere… sei sicuro?” Risposta: “Si si sei tu ma non è più una posa ma sono 7 sempre a 120 però”. Nel medesimo istante alle ore 13:00 arriva una mail direttamente dalla Endemol dove mi dicono che mi hanno scelto per 7 pose, disponibilità da qui ad aprile (testuale) compenso 120 lorde a posa e che nel pomeriggio dovevo andare in sede a firmare il contrattino.

Della serie: “lo sappiamo che non hai un cazzo da fare e che sei a nostra completa disposizione quindi sbrigati e vieni a firmare sennò il tuo ruolo lo diamo ad una scimmia dello zoo di Pistoia“. Io che invece avevo un provino per uno spot, avevo da ridire sul compenso e pure sui giorni di lavoro, visto che ho una tournée che mi inizia a fine febbraio, li chiamo e faccio notare anche che non è che uno riceve una mail alle 13, e può correre a firmare contratti perché si gira il giorno dopo. Poi faccio presente anche che su 7 giorni di riprese, 2 purtroppo non potrò esserci perché fuori Roma in tournée con Benvenuti e Formicola in “Tutto Shakespeare in 90 minuti”, e quindi la signorina al telefono mi dice che mi farà sapere.

Vado a fare il provino, un po’ preoccupato, visto che non capita tutti i giorni di essere scelto come attore per un ruolo importante, da un casting nato per figurazione. Rimango però sempre dell’idea che 120 euro lorde per un lavoro del genere siano una buffonata, soprattutto quando i protagonisti prendono 20 volte tanto.

Dopo il provino mi chiama e mi dice che non se ne fa nulla perché, parole sue, “già hanno tanti paletti da sistemare per i protagonisti, figuriamoci se potevano pensare anche a quelli per i piccoli ruoli”. Li capisco, non fa una grinza. Certo però come faranno a girare domani non lo so. Avranno delle riserve? Penso proprio di si perché quando hanno deciso sul mio conto, erano le 16:30, quindi deduco che un attore in tuta e calzoncini si stia scaldando pronto ad entrare in campo direttamente dalla panchina a bordo set.

Insomma alla fine di tutto questo cosa rimane da dire: che questo meraviglioso mondo dello spettacolo, di meraviglioso ha ben poco fino a che non passi nella categoria “protagonista”, e che se uno calcola le probabilità di essere scelto ad un provino e poi ci raffronta il compenso… forse è più remunerativo e sicuro, andare a caccia di Dodo al Polo Nord. Che se si analizza come vengono gestite tutte le operazioni e l’organizzazione che porta un attore da casa sua al set, è più professionale vedere come gli zingari rovistano scientificamente nei cassonetti.

Ma nonostante tutto, per entrare in questo magnifico mondo dello spettacolo, c’è sempre la fila, c’è sempre chi lavora gratis o per due spiccioli, c’è sempre che si riempie la bocca di “passssssione” e “visibilità”, c’è sempre chi ti dice che se ti danno 800 euro per uno spot che giri in un giorno, sei un maledetto privilegiato, (e magari chi te lo dice ha appena preso la quattordicesima e sta in cassa malattia o ferie pagate).

C’è sempre chi ti vede in tv dire “Bronchenolosedativoefluidificanteeee!” e ti fa i complimenti vivissimi e poi lo inviti a teatro a vedere un monologo comico di un’ora scritto e diretto da te, dove fai ridere, piangere, canti, balli, rutti e scorreggi, e non ci viene perchè: “sai c’ho problemi in famiglia, sto in bolletta ‘sto mese, pioveva, a me il teatro mi annoia, se lo facevi di pomeriggio magari… tanto lo rifarai no? Volevo venire poi mi s’è fatto tardi, se veniamo in 12 ci fai entrare gratis vero? Col bimbo come faccio, ah ma fai ancora teatro?”

Nonostante tutto, c’è sicuramente chi sta peggio, chi ha perso tutto in borsa in questa settimana, chi non trova lavoro nemmeno come comparsa, chi lo trova ma è triste e sta tutta la vita a rimpiangere il giorno che ha firmato un contratto a tempo indeterminato (prima del job act).

Io non l’ho fatto e anche se oggi mi girano parecchio i coglioni, so che domattina posso alzarmi alle 11 se voglio, e so anche che il teatro è stupendo, anche se entrare in quella scatolina magica che è la tv fa piacere anche a me, perché noi attori siamo egocentrici, narcisisti e sfacciati, e non ci basta solo il palcoscenico, vogliamo anche essere riconosciuti per strada, TUTTI, anche chi dice che “la televisione non la guardo mai”. Ecco perché oggi sono incazzato col teatro, ecco perché domani sarò sempre incazzato col teatro. Perché so già che poi mi passerà.