Home » Truffe via mail… ci riprovano dal Burkina Faso.

Truffe via mail… ci riprovano dal Burkina Faso.

Ieri mi arriva in posta il seguente messaggio che vi copio incollo così come sta, evidentemente tradotto con google translate e quindi farcito di strafalcioni linguistici esilaranti. Da come scrive pare un rapper dismesso che cerca di piazzare cento milioni di dollari da qualche parte e chiede aiuto a me perchè forse ha visto che faccio l’attore e quindi pensa che ho la doppia residenta a Montecarlo, oppure che faccio dieci fiction su Canale 5 l’anno o che spaccio cocaina. Delle tre la più probabile forse è la terza opzione, quindi gli ho scritto qualche suggerimento per piazzare questi due spiccioli.

Questa è la sua mail:

Ciao il mio fratello
(gliel’hai detto tu che siamo fratelli? [cit])
 A seguito della Sua risposta alla mia offerta di investire, lo farò
grazie. (e io farò prego)
        In effetti, questo è uno degli emissari del ex presidente (Blaise Compaoré)
Presidente del Burkina costretto all’esilio e visto stretti rapporti con il regime
l’ex presidente, la sua personalità è stata controversa per la sua
scelta politica, ha deciso di mantenere un profilo basso, al fine di salvare la sua vita
e quella della sua famiglia.
 Essere in esilio, lui vuole un partner serio per un investimento al di fuori del
Continente africano o in un paese stabile e democratico (quindi l’Italia sarebbe un paese STABILE e DEMOCRATICO. Ah già viene dal Burkina… in effetti paragonato a loro ha quasi ragione, ma ancora non ha visto Salvini in azione forse…)
una cifra stimata di 100 milioni di dollari Usa (due bruscolini insomma). I fondi sono attualmente disponibili in Togo a Lomé capitale in una banca
 Inoltre, sarò molto felice se si potrebbe fare  (il congiuntivo, questo sconosciuto) il
proposte di investimento nel vostro paese per una partnership
win-win per lo sviluppo di imprese e riconquistare la nostra
la stabilità finanziaria senza preoccupazione.
E ‘quindi a voi per darmi alcune idee sulle aree
attività che possono generare profitti redditizia a breve e medio
a lungo termine in modo che si può firmare un memorandum d’intesa
Ruoli di investimento e definire che verranno assegnati a ciascun
noi formiamo parte. (al tipo gli hanno detto che io faccio l’attore e che in banca ho i soldi giusti per pagarmi una rata della Panda a gas?)
La prego di accettare i miei sinceri saluti e spera di giocare (si al Lotto forse)
proposte di investimento mi mandi il tuo
risposta.
NB / Si parla francese
 (NB e io no, qui si parla italiano, al limite un po’ d’inglese se mi girano, ma oggi non mi girano, quindi ti rispondo in italiano, come fanno i francesi in francia che non spiccicano una parola straniera nemmeno se lavorano all’ufficio informazioni dell’aeroporto). 
Cordialmente
Il signor B. MALLEY (se era Marley mi facevo una risatona)
Consulente internazionale
Cotonou Repubblica del Benin
E questa è la mia risposta:
Yooo Fratello! Piacere di sentirti. Come va in esilio? Sicuramente meglio di qui in Italia che con Renzi e tutta la sua cricca e il traffico di Roma, io dico te ne basterebbe metà…
Ma passiamo agli affari. Con 100 milioni di euro si potrebbero fare tante cosine qui in Italia, tipo comprare qualche senatore. Al momento ce ne verrebbero una decina, di quelli buoni eh? Di quelli che votano quando fa comodo e quando non fa comodo stanno in tv a blaterare a caso giusto per far vedere che si guadagnano uno stipendio. Poi vediamo… con 100 milioni potresti dividerli in tre mazzette da 33 e comprarti qualche bell’appalto per costruire immobili, sempre con l’aiuto di qualche politico di cui sopra o della mafia locale. In Italia c’è l’imbarazzo della scelta.

Tranquillo non c’è bisogno di stare in Sicilia per trovare la mafia, o in Calabria per trovare la N’drangheta, basta andare a Milano o passare per Roma e chiedere di un certo Carminati o Buzzi, o Odevaine. Occhio a questo che ha il vizio di cambiarsi il cognome e forse sul citofono trovi OdevainA, ma credo non avrai problemi a trovarli, anche perchè ora stanno tutti al gabbio, basta chiedere in procura e te li fanno incontrare.

Volendo poi se devi ripulire un centinaio di milioni, puoi sempre costruire in una bella zona periferica un parco giochi dove non andrà quasi nessuno, ma in compenso daresti lavoro ad un bel po’ di giovani per sei mesi e poi li puoi licenziare quando vuoi, basta pagargli un po’ di mensilità grazie al Job Act varato da poco e son tutti contenti.

Per ripulire qualche milioncino puoi tirare su anche una bella sala giochi, ma non di quelle dove i ragazzini vanno a spandere qualche euro per giocare ai vecchi videogames, no no, dicevo le slot, quelle che pigi un bottone e in 5 minuti ci lasci 50 euro e nemmeno te ne accorgi. Puoi pure infilarci pezzi da 50 “sporchi” per migliaia di euro e poi senza nessun problema riscuotere tutti i soldi “puliti” e tornartene a casa. Più facile di così! Basta solo che non lo fai a 200 metri da una scuola che se poi crolla alla prima scossa di terremoto poi c’è il rischio che qualche calcinaccio ti spacchi l’insegna.
Sennò se non ti vuoi stare troppo a confondere con permessi e mazzette, puoi sempre metterti d’accordo con qualche cartello colombiano in contatto con la camorra nel casertano. Con 100 milioni non ci fai molto ma per cominciare va bene per lo spaccio di cocaina e anfetamine. Lì in zona questa attività è alla luce del sole, o anche a Palermo se vuoi, dipende se ti piace più la Sicilia o la Campania, ma il sole batte forte in entrambe le regioni. Per finire, abbiamo tanta monnezza da smaltire. Una cava abbandonata ti si trova, dove riversare qualche rifiuto tossico di qualche azienda del nord, così lassù rimane tutto pulito e qualche politico può dare addosso al sud dicendo che sono tutti zozzi. L’importante è che non dai troppo nell’occhio quando sversi roba tossica nelle falde acquifere e se ti beccano devi solo dire che non sapevi che non si poteva fare e poi sticazzi, noi si beve acqua minerale in bottiglia mica dalle falde.

Ricordati di non metterti mai contro il Vaticano. Immobili a Roma sono roba loro. Chiedi sempre per qualsiasi affare stai per intraprendere perchè potresti trovarti qualche sicario alle spalle e non è simpatico. Uno come te che sfugge alla mafia locale nel Burkina, finire impiccato sotto un ponte qui a Roma (o a Londra) non è bello non credi? Comunque a parte questo, anche in Vaticano con 100 milioni qualche “bell’affare” lo puoi iniziare, basta trovarglieli giovani e con qualche problemino familiare ed è fatta.

Insomma dai ti aspetto, quando vuoi venire a trovarmi avverti così ti preparo un bel festino. Donne e champagne li metto io, i contanti li metti tu ok?

Yo Fratello! E anche se parli francese, la lingua degli affari è internazionale, ci si capisce al volo!

Cordialmente.
Obi One.

Nemmeno a farlo apposta, mentre sto scrivendo questo articolo, mi rispondono in mail:
Caro signore Francesco
 sono molto orgoglioso del messaggio e vi ringrazio molto.  Il proprietario dei fondi accetta di collaborare voi e richiede la vostra presenza qui nei nostri uffici per discutere testa a testa i vari contorni della transazione di fondi. Si arriva e si firmerà contratti di partnership, allora si aprirà due o tre conti bancari e noi trasferire il denaro sul tuo conto nel vostro paese. Una volta che il denaro è passato, si stabilirà un nuovo passaporto per i nostri politici di lasciare finalmente l’Africa e vivere nella casa che si sta per pagare lui.
Così abbiamo chiamato la data che più vi si addice a venire.
Il proprietario vorrebbe un totale discrezione e anche conoscere le relazioni e le attività professionali
Il mio Skype è: negocesarl
E ovviamente lo aggiungo subito su skype… vediamo che faccetta ha, poi vi faccio sapere…

Se hai trovato utile questo articolo, sostienimi con una piccola donazione, grazie.

Donazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *